FANDOM


Macchia Nera
Macchia Nera
Macchia Nera
Universo Disney
Nome originaleThe Phantom Blot
Creato da
StudioThe Walt Disney Company
EditoreThe Walt Disney Company
Stato attualeattivo
Nemici
Base Topolinia
The Walt Disney Company
Personaggi Disney (uso del template)

Macchia Nera (ingl. Phantom Blot, Macchia Fantasma) è un personaggio dei fumetti della Walt Disney, caratterizzato come uno dei maggiori nemici di Topolino. Quando non vuole farsi riconoscere usa il soppranome di Machacer.

Storia editoriale Modifica

È apparso per la prima volta nel 1939 sulle strisce quotidiane disegnate da Floyd Gottfredson e scritte da Merrill De Maris, nella sequenza nota come Topolino e il mistero di Macchia Nera.

Ricompare poi nella storia di Guido Martina e Romano Scarpa Topolino e il doppio segreto di Macchia Nera del 1955.

Viene riutilizzato negli USA nel 1964 disegnato da Paul Murry e la Western Publishing gli dedica addirittura un albo (The Phantom Blot).

Ideazione del personaggioModifica

Floyd Gottfredson, ideatore del personaggio, insieme allo sceneggiatore Merrill De Maris, ha spiegato in un'intervista[1] le origini del personaggio:

« Una delle mie strips preferite era Jerry on the Job di Walter C. Hoban. A un certo punto Hoban inserì una coppia di gemellini di colore e li chiamò The Blots (le macchie). Parlavano e si muovevano all'unisono, ed erano completamente neri, a parte gli occhi e le labbra, che invece erano bianchi. Così, quando il mio sceneggiatore Merrill De Maris suggerì una trama che ruotava intorno al furto di alcune macchine fotografiche [...], mi ricordai dei due gemellini e gli dissi: «Perché non creiamo un personaggio sinistro con un mantello nero, che agisca da villain nella storia? E visto che dovrà essere tutto nero, perché non chiamarlo The Blot (La Macchia)?» Così feci uno schizzo del personaggio e poi lo annerii. A Merrill piacque, e lo usammo. »
(Floyd Gottfredson)

Caratterizzazione Modifica

Nella città di Topolinia è considerato il pericolo pubblico numero uno. È un supercriminale, motivato soprattutto dal desiderio di potere e di gloria, che agisce principalmente da solo, oppure a capo di una banda i cui componenti non sono personaggi ricorrenti e quasi sempre appaiono solo in una storia. A differenza dell'altro grande criminale topolinese, Gambadilegno, Macchia Nera è straordinariamente intelligente, sfuggente e tenebroso, spesso firma i suoi messaggi con una macchia d'inchiostro ed è in grado di costruire ogni sorta di armi e dispositivi tecnologici per realizzare i suoi progetti. Ama utilizzare l'inganno e la manipolazione per raggiungere i suoi scopi, e spesso ha ordito piani per piegare altri personaggi, tra cui lo stesso Topolino, al proprio volere.

Caratterizzazione grafica Modifica

Viene molto spesso raffigurato con una lunga tunica nera con due buchi per gli occhi, che lo rende misterioso e inafferrabile, ma il suo vero volto, connotato da corti capelli neri e baffi sottili e lunghi, è noto agli altri personaggi e viene mostrato in alcune storie, sia nella serie regolare sia quando Macchia Nera "recita" nei panni di un personaggio storico o letterario nelle Parodie Disney. Alcuni sostengono che il viso sia ispirato a quello dello stesso Walt Disney[2], altri lo collegano all'attore degli anni trenta Adolphe Menjou[3]. O, ancora, al pittore catalano Salvador Dalì.

Nella saga degli Ultraheroes è un membro dei Bad 7, e possiede un costume rosso e nero che gli permette di passare dallo stato liquido a quello solido a suo piacere.

Apparizioni in altri media Modifica

Macchia Nera ha fatto anche molte apparizioni nei cartoni animati, come in Duck Tales, House of Mouse e Mickey Mouse Works. A rovinare i suoi piani ci sono sempre Topolino, Paperino e Pippo.

Inoltre Macchia Nera appare come antagonista principale nel videogioco Disney Epic Mickey in un ruolo tuttavia totalmente diverso dalle sue controparti di fumetti e cartoni. Qui infatti il nome Macchia nera è applicato a una muta e mostruosa creatura, creata accidentalmente da un giovane Topolino, fatta di inchiostro e solvente magici, che porta disordine e caos nella città dei personaggi Disney dimenticati dai fan del mondo, Rifiutolandia.

Note Modifica

  1. Gli anni d'oro di Topolino #3, p. 108
  2. DeAgostini Edicola
  3. Altri "noir" Disney